Come si difendono


Di solito le theraphosiadi non aggressive cercano sempre di mettersi in salvo o nascondersi quando vengono disturbate. Comunque anche loro si possono difendere benissimo.

Il veleno
La difesa piu' temuta e' sicuramente il morso del ragno. Il morso e' molto doloroso ma non pericoloso per l'uomo (a parte per chi allergico). Non bisogna credere ai miti e alle storie su questi predatori perche' il veleno delle theraphosiadi non e' mortale. In generale il veleno si puo' paragonare a quello delle api o delle vespe.

Prima di mordere la migale si mette nella sua tipica posizione minacciosa:
- alza la parte anteriore del corpo (prosoma) da 90 a 180 gradi (vedi foto in basso)
- apre i cheliceri
- specie dotate dell'organo stridulante emettono un suono.


Se viene ancora disturbato, il ragno scatta molto velocemente nella direzione dell'aggressore e gli da' un colpo. Poche volte il ragno morde al primo attacco.
Nel caso in cui che l'intruso non sia ancora scappato il ragno parte per un secondo attacco e sprofonda le cheliceri nella pelle dell'aggressore e inietta il veleno.

Conoscendo il comportamento delle migali, i segnali quando il ragno si sente minacciato e' molto facile evitare un morso. Se nonostante tutto capita di essere morsi bisogna subito disinfettare la ferita, perche' a volte i malori causati dal morso non vengono dal veleno, ma dai batteri che si trovano sulle cheliceri del ragno. Inoltre bisogna accertarsi che l'antitetanica sia attuale. Di solito il dolore e i sintomi spariscono dopo poche ore dal morso. Dopo il morso di qualche theraphosiade africana o asiatica del tipo Poecilotheria, Haplopelma, Stromatopelma ecc. i sintomi possono durare anche fino dai quattro ai sette giorni. Comunque e' sempre consigliabile consultare un medico.


I peli urticanti
Solo le theraphosiadi americane, come le Brachypelma, Grammostola, Acanthoscurria, Avicularia ecc. sono dotate di peli urticanti. Quando un ragno "bombardante" viene disturbato o minacciato si gira con l'addome verso l'intruso e con movimenti molto rapidi delle zampe posteriori lancia dei piccolissimi peli con uncini che a contatto con la pelle causano irritazioni. Sono talmente fini che fluttuano nell'aria e vengono anche aspirati.
Sintomi:
- bruciore e prurito sulla pelle per alcuni giorni
- se vengono aspirati si attaccano alla mucosa e possono causare un lungo malessere nel naso e nella gola che arriva fino ad un conato di vomito.
- negli occhi possono causare parecchi disturbi.

Quando la migale bombarda molto spesso le rimane una chiazza calva sull'addome che sparisce solo dopo la prossima muta.



Immagini sul tema difesa



Femmina adulta di Haplopelma spec. "Ex Laos" nella posizione minacciosa